Informazioni personali

La mia foto
Cucino, dunque sono! Ciao a tutti, mi chiamo Carla ed ho molte passioni, una tra queste è cucinare, adoro sperimentare nuove ricette e migliorarmi giorno dopo giorno. Anche la ricetta più semplice, senza lo spirito giusto puo' diventare complicata; per trovarlo basta avere un po' di pazienza e la voglia di imparare.

mercoledì 21 ottobre 2015

Rose di salame

Ciao a tutti, oggi vi propongo una ricetta salata, si tratta di rose di salame. Andrò a realizzare un impasto base per il pane che stenderò col matterello fino a formare delle strisce di impasto, che in seguito farcirò con salame, caciotta e olive nere. Poi le arroloterò su sè stesse andando a creare delle rose di salame. Si possono cuocere in una tortiera o pirofila, oppure individualmente. Questa ricetta si presta bene anche come finger-food, vediamo di seguito come si realizzano le rose di salame



Procedimento:

  1. prendo un contenitore con l'acqua, ci metto un cucchiaino di zucchero e vado a sciogliere il lievito di birra fresco
  2. prendo il contenitore della farina e ci verso l'acqua con il lievito disciolto, aggiungo il sale e lavoro il composto con una spatola
  3. metto il composto sul piano di lavoro e continuo a lavorare l'impasto in tutte le direzion per 5 - 10 minuti
  4. metto l'impasto in un contenitore, coperto con della pellicola trasparente oppure con un canovaccio pulito e lo faccio lievitare nel forno spento con la luce accesa fino al raddoppiamento del volume
  5.  lievitato l'impasto lo dispongo sul piano di lavoro infarinato, lo lavoro brevemente e lo divido a metà
  6. stendo la prima metà dell'impasto col matterello in una sfoglia rettangolare dello spessore inferiore a mezzo centimetro, larga 25 cm e lunga 40 cm. Vado a tagliare delle striscie di impasto della larghezza di 8 cm
  7. adesso posso farcirle. Taglio le fette di salame a metà e le dispongo sulla striscia di impasto l'una accanto all'altra, procedo con il formaggio fresco, le olive, il pepe e un filo d'olio. Adesso prendo il lembo di impasto rimasto libero e lo vado a sovrapporre poi arrotolo la striscia di impasto su sè stessa, premendo bene il lembo finale dell'impasto per chiuderla. Procedo in questo modo fino a realizzare tutte le rose di salame.
  8. Vado a disporle in una tortiera rivestita di carta forno e verso un filo di olio sopra di esse, le lascio riposare per 30 minuti nel forno spento con la luce accesa. Trascorso il tempo indicato le inforno in forno caldo statico a 200° per 30 minuti. Si servono tiepide
di seguito la video ricetta................








3 commenti:

  1. Ciao, Carla,

    Vorrei chiederti un consiglio, perché ho un dubbio "esistenziale" - ;) ;) - sull'utilizzo del lievito di birra, in questa come in tante altre ricette, tue o di altri. Il succo del discorso è questo: la lievitazione nel forno spento con la luce accesa vale per qualsiasi tipo di ambiente o solo per quelli che abbiano GIÀ una buona temperatura esterna? Mi spiego meglio: il forno funziona bene come cella di lievitazione solo se la temperatura esterna è adatta o, al contrario, funziona a maggior ragione, proteggendo l'impasto da correnti d'aria e da un ambiente troppo freddo? Inoltre,va bene con qualsiasi tipo di lievito di birra, fresco, disidratato da sciogliere preventivamente, disidratato da aggiungere in granellini all'impasto, madre fresco o madre secco che si trova in commercio? Ti ringrazio dell'attenzione che mi avrai voluto dedicare nel leggere queste poche righe. Un carissimo saluto e buon lavoro!! Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca, solitamenti quando si utilizza il lievito di birra, o disidratato oppure madre, la lievitazione richiede un ambiente ed una temperatura idonea, proprio per proteggerlo da agenti esterni, ed il forno oppure un ambiente con temperatura adeguata e senza correnti di aria è l'ideale. Leggo sempre volentieri ciò che scrivi e rispondo altrettanto volentieri, un abbraccio grande! :-D

      Elimina